Autore: Redazione

Erice è la prima sezione del CAI che si insedia in provincia di Trapani. In questi anni il gruppo del Club Alpino, che è andato crescendo sempre più come numero di soci, è stato impegnato, oltre nell’organizzazione di molte escursioni e di diverse attività culturali nella sede comunale di via Apollinis, anche sul fronte della tutela dell’ambiente, della valorizzazione del patrimonio naturalistico e nella lotta agli incendi. Un impegno da parte dei soci, con in testa il reggente Vincenzo Fazio ed i componenti del Consiglio direttivo, che ha portato al riconoscimento da parte dei vertici nazionali del Cai. Un iter iniziato nel 2016 con la creazione di un primo presidio, per poi diventare sottosezione e adesso sezione autonoma. E sono diversi gli obiettivi che il Cai di Erice si prefigge. Tra le attività che saranno messe in campo c’è anche la montagna terapia.

Fonte: telesudweb.it

lettera-nomina-sezione

A tutti gli amici presentiamo il programma delle attività autunno-inverno 2020-2021. Nel rispetto delle misure anti covid-19 la Sottosezione CAI di Erice e Agroericino propone un calendario ricco di escursioni tra i monti di Trapani e Palermo di livello T (turistico) ed E (escursionistico), cicloescursioni, il seminario e l’esercitazione di orientamento e molto altro.

… ritorniamo a camminare insieme con la consapevolezza che ogni passo è un’esperienza straordinaria!
… ritorniamo in mezzo alla natura per conoscerla e continuare ad averne sempre più cura!

programma-autunno-inverno-2020-2021

“La Natura che genera armonia” è stato il tema dell’incontro che si è tenuto nella sede del Cai di Erice.

L’iniziativa, promossa dalla Sottosezione del Club Alpino Italiano-Sezione di Petralia, con il patrocinio del Comune di Erice, si è svolta nella suggestiva location della terrazza panoramica allestita dai soci volontari nella sede di via Apollonis, da dove si può ammirare un panorama mozzafiato su Monte Cofano e su tutto il golfo di Bonagia.

L’incontro si è aperto con i saluti del referente del Cai di Erice Vincenzo Fazio, che ha parlato dei recenti lavori di riqualificazione autorizzati ed eseguiti nei locali della baita comunale, diventato un Punto di Accoglienza escursionisti del Cai.

Tra l’altro da Erice passa anche il Sentiero Italia CAI  come rimarcato dallo stesso Fazio, che ha ricordato anche i lavori di pulizia fatti lungo i percorsi del Monte e la sistemazione della nuova segnaletica per orientare gli escursionisti.

Nel corso della conferenza Angela Savalli, componente del Consiglio Direttivo della sottosezione Cai di Erice e dei Comuni Agroericino, ha poi parlato della rete sentieristica, illustrando le mappe dei vari itinerari.

I vari progetti sui percorsi, a partire dal recupero del sentiero delle mura elimo-puniche e dalla manutenzione straordinaria al bosco antico, sono invece stati al centro dell’intervento del vicesindaco del Comune di Erice Gianni Mauro, presente all’iniziativa assieme all’assessore al turismo Rossella Cosentino.

La conferenza è quindi entrata nel vivo con le relazioni di Vincenzo Garaffa, medico agopuntore ed esperto in medicina orientale, e di Anna Maria Grifo, anche lei medico agopuntore ed esperto in Qi Gong – Tai Ji Quan, che ha anche tenuto una performance di Qi Gong dell’oca selavatica tratta dal “Dayan Gong”, con un intervento finale sull efficacia terapeutica della montagnaterapia o bagno nella foresta.
Le buone prassi del CAI proseguono nell’intento di sviluppare ad Erice la cultura, la valorizzazione e la tutela della montagna anche attraverso eventi culturali dedicati.

Vedi i video  dell’incontro: Prima parte – Seconda parte – Terza parte

Nel 2020 il Club Alpino Italiano centrale ha individuato e riconosciuto la sede sociale della baita CAI Erice, come Punto di Accoglienza del Sentiero Italia CAI.

Spronati da questo prestigioso riconoscimento attribuito dal VPG Antonio Montani, i soci della Sottosezione CAI Erice e Agro Ericino hanno sviluppato, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, un importante progetto di valorizzazione delle aree verdi della montagna ericina.
Il progetto ha visto impegnati i soci volontari, per diversi mesi, nei lavori manuali di adeguamento e riqualificazione della baita sociale di via Piscina Apollinis, assegnata dal Comune in convenzione alla Sottosezione CAI di Erice.

i volontari del cai

Grazie all’impegno profuso dai volontari, oggi  il Cai di Erice può vantare una sede all’avanguardia in Sicilia nell’accoglienza in montagna, un vero e proprio Punto di Informazione Turistica dedicato ad escursionisti e trekker.

Sono stati allestiti:

  • un punto desk di accoglienza ed informazione turistica a tema naturalistico
  • un’area meeting promozionale dei percorsi naturalistici
  • una zona pernotto in stile rifugio
  • una grande veranda panoramica
  • una webcam live per ammirare in diretta il panorama

untitled-design

I lavori per riqualificare la baita sono stati accompagnati anche dalla manutenzione della rete dei sentieri:

  • eliminazione della vegetazione infestante lungo i sentieri
  • ripristino della Segnaletica a norma CAI per favorire l’orientamento a chi pratica il trekking

L’installazione di una  grande pedana in legno attrezzata di panchine e tavoli invita i camminatori a fermarsi per ammirare lo splendido panorama sul golfo di Bonagia e su Monte Cofano.
Oggi, la terrazza panoramica è il fiore all’occhiello della Baita, il luogo più suggestivo dove i visitatori e i trekker possono tranquillamente sorseggiare un caffè o una birra (da distributori automatici), rilassarsi a leggere un libro (book-crossing) o degustare prodotti tipici preparati e serviti direttamente dai ristoratori di Erice con la formula take away e catering veloce.

Vedi anche la nostra webcam panoramica dalla Baita

cai-baita
La Baita  si appresta a diventare anche un vero e proprio  Rifugio di montagna, in quanto sarà dotata di alcuni spartani posti letto, riservati prioritariamente al circuito dei 400.000 escursionisti soci CAI che vorranno fare tappa proprio ad Erice.
Sentieri mozzafiato, angoli naturali dove si respira il mito e la storia, scorci panoramici tra mare e montagna.
Erice, con le buone prassi portate dal Club Alpino Italiano, si appresta ed essere una brillante destinazione naturalistica, specializzata nel turismo escursionistico e ricca di incredibili spunti culturali.

Info e contatti su questo sito o attraverso la pagina Facebook del CAI Erice.

interno-baita

Il Sentiero Italia (SI) è un sentiero escursionistico di lunga percorrenza lungo circa 6 880 km che attraversa le due grandi dorsali montuose della penisola italiana (Supramonte, Appennini e Alpi).

Il percorso, suddiviso in circa 400 tappe, parte dalla località di Santa Teresa di Gallura in provincia di Sassari e prosegue poi dalla Sicilia, partendo da Trapani, lungo tutta la dorsale appenninica e il versante meridionale delle Alpi fino a Muggia, in provincia di Trieste, utilizzando lunghi tratti di itinerari preesistenti quali la Grande Traversata delle Alpi, l’Alta Via dei Monti Liguri e la Grande Escursione Appenninica, attraversando in tutto 6 siti naturali UNESCO, 20 regioni e 360 comuni italiani.

L’idea originale nasce nel 1983 su intuizione di un gruppo di giornalisti e scrittori poi riunitisi nell’Associazione Sentiero Italia. In seguito, con la collaborazione del CAI, l’Associazione lancia poi nel 1995 l’evento CamminaItalia, aperto a tutti e guidato da Teresio Valsesia, Riccardo Carnovalini e Giancarlo Corbellini. Un gruppo di escursionisti parte dalla cittadina sarda di Santa Teresa di Gallura, in provincia di Sassari, per coprire gran parte del percorso in otto mesi. L’iniziativa è stata ripetuta nel 1999, questa volta con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Alpini.

Nel 2018 il Club Alpino Italiano annuncia, d’intesa con l’Associazione Sentiero Italia, l’intenzione di recuperare e rilanciare il tracciato rinominandolo Sentiero Italia CAI. L’iniziativa prevede la raccolta delle informazioni sullo stato attuale del percorso e la progettazione, programmazione e realizzazione di tutti gli interventi necessari per la percorribilità (manutenzione, posa della segnaletica).

Per maggiori info: http://sentieroitalia.cai.it/

La SottoSezione CAI di Erice e Agroericino ha avuto in assegnazione tre tappe del SI, cosi distinte:

Tappa 1: Trapani – Erice

Tappa 2: Erice – Custonaci

Tappa 3: Custonaci – Macari

I volontari del CAI Erice e Agroericino sono stati i protagonisti dei lavori di tracciatura, uniformata da cartelli segnavia colorati di rosso-bianco-rosso.

Sabato 28 gennaio, si svolgeranno la conferenza stampa e il seminario di presentazione della rete sentieristica. Domenica si terrà un’ Educational Trekking Tour, che vedrà ripercorrere (da Erice a Custonaci) l’antico tracciato utilizzato per gli storici trasporti della Madonna di Custonaci per inaugurare la «Rete sentieristica dell’Agro-Ericino». All’evento sarà presente come testimonial d’eccezione la conduttrice televisiva Licia Colò.

Unica nel suo genere, inserita tra le più importanti manifestazioni della Settimana Santa in Sicilia, la Processione detta anche dei “Misteri” che si svolge a Buseto Palizzolo è il racconto, secondo i Vangeli, della Passione, Morte e Resurrezione di Gesù Cristo, in sedici quadri viventi, composti su scenografici carri, ai quali si alternano gruppi di fedeli in abiti penitenziali tradizionali e diverse bande musicali.
Gli abitanti della cittadina impersonano dal vivo, mantenendosi immobili fino a sembrare delle vere statue, i personaggi che compongono i vari quadri che riproducono determinati momenti della Via Crucis.
La Processione della Via Crucis, nel suo lungo percorso, dall’inizio alla fine, offre una molteplicità di momenti tutti da vivere. L’uscita e lo snodarsi lungo le vie del paese quando tutto ancora è schiarito dalla luce del giorno è uno spettacolo impareggiabile, ma è indubbiamente al calare della sera, che la Processione nel suo insieme esprime tutta la sua bellezza e raggiunge i più alti livelli espressivi

http://www.confraternitacrocifissobuseto.it/

Si svolgerà dal 15 al 24 settembre 2017 la ventesima edizione del Cous Cous Fest, festival internazionale dell’integrazione culturale. Sarà un’edizione da ricordare, la rassegna sanvitese che attira ogni anno oltre 250mila visitatori celebrerà, infatti, il suo ventennale. Un programma ricco di soprese, iniziative e special guest festeggerà questo importante anniversario.

Protagonista della manifestazione sarà sempre il Cous Cous, piatto povero per eccellenza ma capace di far incontrare, in questa piccola cittadina della Sicilia nord-occidentale, chef provenienti da tutto il mondo all’insegna dell’integrazione e dello scambio. Dieci giorni da vivere tra appassionanti gare gastronomiche, degustazioni di cous cous, cooking show di chef stellati, lezioni di cucina per grandi e bambini, concerti di grandi artisti italiani e internazionali, talk show e momenti di approfondimento. Il tutto nella splendida cornice di una cittadina, che con il suo clima caldo, il suo mare cristallino e la bellezza delle sue spiagge, premiate ogni anno con importanti riconoscimenti, è la location ideale per prolungare un altro po’ il piacevole relax delle vacanze estive.

http://www.couscousfest.it/

C’è una grotta a Custonaci, in provincia di Trapani, dove a Natale si celebra la nascita di Gesù. Siamo a Scurati, in quello che una volta era un piccolo borgo rurale e dove oggi la gente del luogo (veri artigiani, contadini, pastori, donne, bambini, venditori) per qualche giorno veste i panni d’attore e fa rivivere la vita di un tempo: le  botteghe artigianali, gli ambienti domestici,  corredati da utensili e attrezzi originali, gli antichi mestieri, gli animali nel cortile. Voci, suoni, odori, azioni e manufatti raccontano autentiche tradizioni siciliane e consuetudini  quotidiane. Il culmine si raggiunge nel cuore della grotta dove viene riprodotta la scena della Natività. Un’emozione grandissima che vale la pena vivere!

Per maggiori info www. Presepeviventedicustonaci.it